Diversity of content: a key-word for the life of the cinema
UNITED KINGDOM / IRELAND
 
 

January/February 2021

Diversity of content: a key-word for the life of the cinema
(by Elisabetta Brunella)

It is undeniable that diversity is an asset both in Nature and in culture, but the figures on cinema-going in this annus horribilis seem to confirm that the same goes for the cinema.

The figures already available on admissions and box-office in cinemas worldwide over the whole twelve-month period of a tormented 2020, confirm the crash we had already registered for the first nine months and communicated in DGT Online Informer 171. Indeed, they paint an even more negative picture, since the restrictive measures adopted almost everywhere in the last quarter have made it impossible to consolidate the slight recovery that began in the summer and to take advantage of the Christmas season.Tolo Tolo

Thus, after a record 2018 and a quite satisfactory 2019, the United States, the world's leading market, see their box office fall by 80%. Europe also sees highly negative results, though on the whole, less so. On the Old Continent, audiences dropped from 76% in the United Kingdom and Ireland to 57% in the Netherlands, taking in Spain's and Italy's 72% and Germany's and France's 69%. Performance in the exhibition sector has obviously been affected by the duration of the lockdown imposed on the theatres and the extent of limitations to the number of seats on sale, but also by the presence of productions that have made it possible to replace, at least partially, films from the Stars and Stripes, whose releases were halted on the big screen until better times, or even re-routed onto the digital platforms.

The productions that have come to the aid of programming almost completely deprived of blockbusters are mostly domestic ones. The case of Italy is emblematic, where domestic films, headed by Checco Zalone's "Tolo Tolo", as well as by "Odio l'estate" ("I hate Summer") by Aldo, Giovanni e Giacomo, account for 56% of total box office. In France, too, the share of domestic films has risen considerably to 45%, or ten percentage points more than the previous year, compared to a drop of 15 points for U.S. films, falling from 56% to 41%. Amongst these French films emerges "30 jours max", the most widely viewed domestic title, chosen by over one million spectators. Outside Europe, the Japanese market, which has experienced a 61% squeeze, has held out thanks mainly to domestic products, first and foremost "Demon Slayer" the manga that performed so exceptionally well at the box office.

But another pleasant surprise comes from the field of added content. An overview offered by the ECA - the organisation bringing together professional players and companies in the sector of added content - shows that the impact of this sort of production on total box office experienced a considerable, widespread increase, in the more or less general re-opening of theatres from June to October.

If results in Brazil are particularly striking worldwide, and added content in the country has risen from 0.3% to 3.9%, in Europe, too, the increases are not negligible. In Germany the incidence of added content has risen from 1.3% to 1.8%, in Italy from 2.5% to 3.4%, in the United Kingdom - the European leader in this sector - from 4.0% to 4.2%. In September 2020, box office from added content far exceeded one million pounds in the United Kingdom and Ireland.

Where, in terms of traditional films, the "guiding light" was "Tenet", in the sector of added content the real international success was "Break the Silence: The Movie", which in the United States came in twelfth place in terms of box office, out of all the titles released after the onset of the pandemic. But the BTS's fourth film also came in fifth place in Brazil and in the top 20 in Italy, the United Kingdom and Ireland, as well as in its home country, South Korea.

To sum up, faced with a halt in releases of movie productions in a strict sense, added content has proved to be a resource for cinemas searching for products to enhance their programming. Not to speak of the fact that added content tends not to "go out of fashion": for music lovers - whether of pop, or classical, opera or ballet - the opportunity to see again on the big screen events or productions that have made their mark on the history of the genres is always of immense interest. Of the 45 titles distributed in October in the United Kingdom and Ireland, only 11 were new.

The fact that distributors of added content are ready to support the keenly desired recovery of cinema-going is demonstrated not only by what has happened over the past few months, but also by the wealth of products in the 2021 catalogues, challenging the uncertain perspective of this ambiguous period, which looks on the one hand towards a new surge in the pandemic and on the other towards the return to normality promised by the vaccines.

And so, Rising Alternative, the historical brand of added content, purchased by the Spanish A Contra Corriente, offers the Opéra de Paris, live, with "Faust" and "Notre-Dame de Paris", as well as prestigious recorded performances, including "A riveder le stelle", the show that replaced the First Night of the Scala in Milan.

Also "made in Spain" are the recorded versions of "La Traviata" and "Tosca" at the Gran Teatre del Liceu in Barcelona, as well as "Turandot" and "Billy Budd" from the Teatro Real in Madrid, distributed by Versión Digital, whose catalogue also includes a series of evergreens from the Arena in Verona, such as "Il Barbiere di Siviglia", "Aida", "Nabucco", "Turandot" and "Carmen", covering the 2010 - 2018 period.

But there is not just music: Versión Digital also presents the documentary "Almost Ghosts" by the director Ana Ramón Rubio, which won the award for best documentary at the Arizona International Film Festival in 2019.

In Central-Eastern Europe, Pannonia Entertainment also offers visual music, and more. Now backed by eight seasons of experience, this dynamic distribution company, launched in Hungary but operating on six markets, counts on once again being able to offer Royal Opera House opera and ballets in 2021.

Another traditional date is the one with André Rieu: "Andre Rieu Magical Maastricht: Together In Music", distributed in Hungary, as is the Pompeiimost recent concert by one of its soloists, Mirusia. This will also be seen in the Czech Republic and in the Slovak Republic, Romania and Poland as soon as cinemas re-open. Again music, but in the form of documentaries, with "Up from The Streets - New Orleans: City of Music" and "Ronnie Wood - Somebody Up-There Likes Me", on the Rolling Stones' guitarist.

Addressing a younger audience in Hungary and Romania comes a concert by the new, all-girl band, the Little Mix.

Alongside music, Pannonia Entertainment will continue to place ballet in the limelight, thanks to screenings of the Matthew Bourne Ballet in Poland and in the Slovak Republic, and to the documentary "Béjart Ballet for Life", which is shortly to be released in Hungary.

Pannonia Entertainment will not fail to continue celebrating the great art of all times and to pay homage to the cinema. Hungarian audiences will thus be offered films such as "Botticelli, Florence and the Medici"; "Pompeii - Sin City"; "Raphael"; "Munch - Love Phantoms and Lady-Vampires", as well as the documentary "Fellini of the Spirits", a tribute to the great master of Italian cinema, whilst in the Czech and in the Slovak Republics it plans to redistribute "Total Recall". Again in the field of art documentaries, in all six countries where Pannonia operates, the episode in the series on Dalì entitled "Salvador Dalí: The Youth Diaries" will be on offer.

The sources for domestic market trends in 2020 are Box Office Mojo and Comscore.

This text is based on an article published in the Berlinale issue of Cinema & Video Int'l, the MEDIA Salles media partner.

 

gennaio/febbraio 2021

La diversitÓ dei contenuti: parola chiave per la vitalitÓ della sala cinematografica
(di Elisabetta Brunella)

Che la diversità sia un atout in natura e per la cultura è fuor di dubbio, ma i numeri sulla frequenza delle sale cinematografiche in questo annus horribilis sembrano confermare che lo sia anche per il cinema.

I dati già disponibili su presenze o incassi nelle sale cinematografiche mondiali, sui dodici travagliatissimi mesi del 2020, confermano il crollo che avevamo già rilevato per i primi nove mesi e comunicato nel DGT Online Informer 171. Anzi, dipingono una situazione ancora più negativa dal momento che le misure restrittive, adottate un po' ovunque nell'ultimo trimestre, non hanno ToloToloconsentito di consolidare la timida ripresa iniziata nell'estate ed hanno portato alla perdita della stagione natalizia, periodo cinematografico per eccellenza.

E così, dopo un 2018 da record e un 2019 comunque molto buono, gli Stati Uniti, il primo mercato mondiale, vedono i loro incassi diminuire dell'80%. Risultati molto negativi anche in Europa, ma in misura complessivamente di poco minore. Nel Vecchio Continente i cali degli spettatori vanno dal 76% di Regno Unito e Irlanda al 57% dei Paesi Bassi, passando per il 72% di Spagna e Italia e il 69% di Germania e Francia. Ad influire sulle performances dell'esercizio sono, ovviamente, la durata del lockdown imposto alle sale ed il grado di severità delle limitazioni sui posti vendibili, ma anche la presenza di produzioni che localmente hanno permesso - almeno in parte - di rimpiazzare i film a stelle e strisce la cui uscita è stata fermata in attesa di tempi migliori per il grande schermo o addirittura dirottata sulle piattaforme.

Le produzioni che sono giunte in soccorso alla programmazione quasi completamente privata dei blockbuster sono principalmente nazionali. Di scuola è il caso dell'Italia, dove i film tricolori, con in testa "Tolo Tolo", di Checco Zalone, e "Odio l'estate", di Aldo, Giovanni e Giacomo, si aggiudicano il 56% del totale del box office. Pure in Francia la quota di mercato dei film domestici è sensibilmente salita, collocandosi al 45%, ovvero dieci punti percentuali in più rispetto all'anno precedente, a fronte di un crollo di 15 punti per i film statunitensi passati dal 56% al 41%. Tra i film dell'esagono emerge "30 jours max" il titolo nazionale più visto, scelto da oltre un milione di spettatori. Fuori dall'Europa, il mercato giapponese, che si è contratto complessivamente del 61%, deve la sua tenuta in larga parte alla produzione nazionale, a cominciare da "Demon Slayer" il manga dall'eccezionale performance al botteghino.

Ma un'altra positiva sorpresa viene dal settore dei contenuti aggiuntivi. La panoramica offerta da ECA - l'organizzazione che raggruppa professionisti e aziende del settore dei contenuti aggiuntivi - mostra che il peso di questo tipo di produzioni sul box office totale ha conosciuto, dalla riapertura pressoché generalizzata delle sale avvenuta in giugno sino ad ottobre, un aumento sensibile, praticamente ovunque.

Se, a livello mondiale, colpisce il risultato del Brasile, dove i contenuti aggiuntivi sono passati dallo 0,3% al 3,9%, anche in Europa gli incrementi non sono trascurabili. In Germania l'incidenza dei contenuti aggiuntivi è passata dall'1,3% all'1,8%, in Italia dal 2,5% al 3,4%, nel Regno Unito - il paese europeo leader in questo settore - dal 4,0% al 4,2%. Nel mese di settembre 2020, gli incassi dei contenuti aggiuntivi hanno abbondantemente oltrepassato nel Regno Unito e in Irlanda il milione di sterline.

Se, parlando di film in senso tradizionale, il titolo "faro" è stato "Tenet", nel settore dei contenuti aggiuntivi il vero successo internazionale è stato "Break the Silence: The Movie", che negli Stati Uniti si è piazzato dodicesimo per incasso tra i titoli usciti dopo l'insorgenza della pandemia. Ma il quarto film dei BTS ha raggiunto anche la quinta posizione in Brasile e si è collocato nelle top 20 in Italia, Regno Unito e Irlanda, nonché nella sua madrepatria, la Corea del Sud.

Di fronte, insomma, ad uno stop delle uscite delle produzioni cinematografiche in senso stretto, i contenuti aggiuntivi si sono rivelati una risorsa per le sale cinematografiche alla ricerca di produzioni adatte ad arricchire la loro programmazione. Senza contare che i contenuti aggiuntivi tendono a "non passare di moda": per chi ami la musica - pop o classica, l'opera come il balletto - rivedere sul grande schermo eventi ed allestimenti che hanno segnato la storia del genere è sempre uno spettacolo ricco di interesse. Dei 45 titoli distribuiti in ottobre nel Regno Unito e in Irlanda, solo 11 erano nuovi.

Che i distributori di contenuti aggiuntivi siano pronti a sostenere l'auspicata ripresa del consumo cinematografico in sala lo dimostra non solo ciò che è avvenuto in questi mesi, ma anche la ricchezza dei listini pubblicati per il 2021, sfidando l'incertezza di questo periodo dallo sguardo strabico, fissato da una parte sulla recrudescenza della pandemia e dall'altra sul ritorno alla normalità promessa dal vaccino.

E così Rising Alternative, storico marchio dei contenuti aggiuntivi acquisito dalla spagnola A Contra Corriente, propone l'Opéra de Paris anche dal vivo con il "Faust" e "Notre-Dame de Paris" e pure prestigiose performances registrate, tra cui "A riveder le stelle", lo spettacolo che ha sostituito la prima della Scala di Milano.

Made in Spain sono anche, in versione registrata, "La Traviata" e la "Tosca" del Gran Teatre del Liceu di Barcellona nonché la "Turandot" e "Billy Budd" del Teatro Real in Madrid, distribuiti da Versión Digital, il cui listino comprende anche una serie di titoli intramontabili dall'Arena di Verona, come "Il Barbiere di Siviglia", "Aida", "Nabucco", "Turandot" e "Carmen", che coprono il periodo 2010 - 2018.

Ma non c'è solo musica: Versión Digital presenta anche il documentario "Almost Ghosts" realizzato dalla regista Ana Ramón Rubio, premiato come miglior documentario all'Arizona International Film Festival del 2019.

Nell'Europa Centro-Orientale anche Pannonia Entertainment propone visual music, ma non solo. Forte di un'esperienza di ormai otto stagioni, questa dinamica casa di distribuzione, nata in Ungheria, ma attiva su sei mercati, conta di portare anche nel 2021 le opere e i balletti della Royal Opera House.

Un altro appuntamento tradizionale è quello con André Rieu: infatti è la volta di "Andre Rieu Magical Maastricht: Together In Music" in distribuzionePompeii in Ungheria come anche il più recente concerto di uno dei suoi solisti, Mirusia. Lo vedranno pure nella Repubblica Ceca e in Slovacchia, Romania e Polonia, non appena le sale riapriranno. Ancora musica, ma in forma di documentario, con "Up from The Streets - New Orleans: City of Music" e con "Ronnie Wood - Somebody Up-There Likes Me", sul chitarrista dei Rolling Stones.

Al pubblico più giovane di Ungheria e Romania si rivolge invece il concerto della nuova band tutta femminile, le Little Mix.

Fellini SpiritsAccanto alla musica, Pannonia Entertainment continuerà a portare alla ribalta il balletto, attraverso proiezioni del Matthew Bourne Ballet in Polonia e Slovacchia, e col documentario su "Béjart Ballet for Life" che uscirà a breve in Ungheria.


Pannonia Entertainment non smetterà di celebrare la grande arte di tutte le epoche e di rendere omaggio ai classici del cinema. Proporrà quindi al pubblico ungherese art films quali "Botticelli, Florence and the Medici"; "Pompeii - Sin City"; "Raphael"; "Munch - Love Phantoms and Lady-Vampires", oltre al documentario "Fellini of the spirits", tributo al grande maestro del cinema italiano, mentre nella Repubblica Ceca e in Slovacchia prevede di redistribuire "Total recall". Sempre per i documentari d'arte, è atteso in tutti i sei paesi in cui è attiva Pannonia, l'episodio della serie su Dalì dal titolo "Salvador Dalí: The Youth Diaries".

Le fonti sull'andamento dei mercati nazionali nel 2020 sono Box Office Mojo e Comscore.

Questo testo si basa su un articolo pubblicato sul numero di Berlino di Cinema & Video Int'l, media partner di MEDIA Salles